Tutto quello che occorre sapere sul content marketing

Per chi fa commercio sul web, il content marketing rappresenta uno strumento estremamente importante, senza il quale diventa estremamente complicato riuscire a raggiungere gli obiettivi prefissati a livello aziendale e, soprattutto, fidelizzare la clientela.
Proprio ai contenuti, infatti, è delegata la funzione di attrarre gli utenti, cercando di interessarli, senza però adottare lo stile martellante che distingue invece le tradizionali campagne pubblicitarie. Andiamo quindi a vedere più nel concreto cos’è il content marketing e a cosa serva realmente.

Il contenuto è sempre più importante

Il content marketing è incentrato sulla creazione di contenuti che dovranno poi essere condivisi online, facendo perno su strategie in grado di acquisire e poi mantenere l’interesse di particolari strati di utenti. Una strategia di questo genere può essere portata avanti ad esempio attraverso la produzione di video, articoli, guide, webinar o seminari. Il tutto finalizzato non alla vendita diretta, bensì all’instaurazione di un rapporto duraturo, fondato sull’informazione.
In pratica, il vero scopo del content marketing è quello di catturare la fiducia degli utenti, in modo che essi decidano liberamente di lasciare una serie di informazioni utili per poterli contattare senza risultare invasivi e di visitare in continuazione il sito aziendale. Proprio il carattere parzialmente libero e non assillante di campagne di questo genere ha spinto molte aziende a preferire questo tipo di comunicazione alla tradizionale pubblicità, ormai vista con estremo fastidio dai consumatori. Alla domanda tesa a capire cos’è il content marketing, potremmo quindi rispondere che si tratta di un modo intelligente e meno dispendioso di fare pubblicità alla propria azienda.

Come deve essere impostato un piano efficace di content marketing

Per poter arrivare a bersaglio, una strategia di questo genere deve corrispondere ad una serie di esigenze, tra le quali:
1) individuare i vantaggi di cui potrebbe usufruire il proprio commercio;
2) individuare il target cui proporre il contenuto;
3) cercare di capire il modo per coinvolgerlo al meglio.
Per farlo è necessario stilare un efficace piano editoriale, nel quale siano scadenzate con grande precisione le attività da mettere in campo e individuare gli sbocchi di ogni contenuto prodotto.
Proprio questo è un altro punto molto importante, in quanto esistono contenuti che possono essere portati all’attenzione del possibile lettore tramite un articolo, un video, una comunicazione di posta elettronica o da veicolare sui social network, ma non esistono contenuti buoni per tutti gli usi. Allo stesso tempo, occorre fare in modo che essi non siano incoerenti, possano rivestire carattere di utilità per il potenziale fruitore e non diventino obsoleti con il passare del tempo.

L’obiettivo finale: aumentare i profitti aziendali

Da quanto detto sinora, dovrebbe comunque risultare del tutto chiaro come l’obiettivo principale del Content Marketing sia in fondo quello che caratterizza qualsiasi campagna pubblicitaria, ovvero incrementare i profitti. Per farlo, si ricorre però ad una strategia meno invadente, nella quale occorre calamitare l’attenzione dell’utente non più per mezzo di slogan ripetitivi e martellanti, bensì facendo perno su contenuti in grado di catturarne l’interesse.