Progettare una link building nel 2013

In questo articolo ho elaborato un po’ di punti per progettare al meglio una strategia di link building per l’anno 2013, sempre più necessaria per Seo Specialist, Web Marketing Manager ma anche per Social Media Manager, considerando gli ormai famosissimi Panda e Penguin.

Ho il piacere quindi, di postarti dei consigli veloci su come ottimizzare al meglio l’anchor text nella link building:

link bulding

1. Non usare Anchor per la home page
Sia Panda che Penguin sono penalizzazioni che possono creare problemi molto seri ad un sito web, ci sono dei modi per riprendersi, uno dei quali è utilizzare l’errore 404 per le pagine colpite. Se sono stati usati più anchor link nella home page, questo metodo non deve assolutamente essere utilizzato.
2. Non usare “Anchor” troppo riconoscibili
In sostanza si dovrebbe evitare di sovra ottimizzare i link degli gli anchor text con le stesse keyword dato che sembra che Penguin le prenda di mira e ne distrugge l’autorevolezza. Personalmente uso un mix tra Long Tail e chiavi secche possibilmente misti. Cercate di utilizzare anche link in cui vengono incluse la “a”, la “e”, “di”, “degli” etc etc.. Quindi per esempio per “Hotel Firenze” l’anchor text del seguente testo: “Cerchi una camera ecnomica in hotel a Firenze? Scegli l’hotel bim bum bam ”, sarà: hotel a Firenze”.
3. Inserisci il tuo link nel vivo del contenuto
Per non confondere lo spider e quindi renderlo più attore primario del contenuto, cerca di inserire i link in fondo al tuo contenuto. Più naturale sembrerà l’ancora, meno rischi si correranno. Ovviamente cerca di scrivere contenuti con almeno 300 parole prima di segnalarlo alle fonti, insomma ottimizza e descrivi approfonditamente la tua attività o quella del tuo cliente.
4. Non utilizzare Anchor in contenuti o siti web nuovi
In alcune circostanze, specialmente nel caso di siti, pagine e contenuti nuovi, sto cercando di non utilizzare anchor diretti, ma utilizzare metodi del tipo “Clicca qui” , “visita il sito”, “maggiori informazioni”.
Teoricamente questi link non aiuteranno la classificazione dell’obiettivo, cioè il posizionamento nei motori di ricerca di quella determinata keyword, ma rafforzeranno il valore reale del sito web. In un testo che ho scritto per un nostro nuovo cliente, ho utilizzato questa strategia per il nuovo sito web inserendo 10-15 links con questo tipo di ancora. Il sito è arrivato in seconda pagina direi quasi naturalmente. Successivamente lavorerò su keyword di maggiore peso e sono sicuro di arrivare in prima pagina(attualmente siamo 11° risultato da google.it).
5. Tenere d’occhio gli anchor con corrispondenze esatte VS ancore senza keyword
Se in precedenza ho costruito un elevato volume di anchor text con corrispondenze esatte, devo cercare di sopperire con termini diversi dalla keyword per modificare la percentuale. Nascondi il bersaglio, proteggi il bersaglio!
6. Guest Posting
Sono quasi sicuro che Google presto prenderà di mira anche i post degli utenti. Come risultato sto cercando di evitare firme nel profilo come tattica di link building. Non accetto nulla che non si trovi nel corpo principale del messaggio. Non fraintendetemi, mi rendo conto che queste tattiche sono essenziali per gli autori ma da un punto di vista SEO hanno vita breve a causa di un loro uso eccessivo nel passato(es. post su forum, su blog, su guestbook etc. etc.)
7. Attinenza e importanza dei contenuti
Se i contenuti di un sito sono poco rilevanti rispetto al mio obiettivo non lo prendo in considerazione oppure cerco di modificare i miei contenuti per renderli adatti al sito in questione. Quindi ad esempio non utilizzerò un sito che si occupa di arte e artigianato per promuovere un link inerente un sito di un albergo. D’altro canto però potrei cercare di modificare il contenuto per un negozio che vende ad esempio abiti di moda, scrivendo ad esempio “Ho avuto un’ottima idea quando ho visto i bellissimi abiti di NOMEBRAND” (dove il link è “bellissimi abiti di NOMEBRAND).
8. Progetta i contenuti prima di postarli, “prima di linkare, scrivi e calcola”!
Questo lavoro è fondamentale per capire la prominenza della parola chiave da far salire, maggiore è la quantità di presenza della keyword da portare in prima pagina, maggiore sarà l’impatto con i motori di ricerca e quindi la considerazione della stessa (questa operazione va fatta in un certo modo, non improvvisare altrimenti sarai penalizzato per keyword stuffing).
E’ buon uso, prima di iniziare ad inserire dei link di un sito di un tuo cliente, organizzare al meglio e progettare i contenuti ed i link dove postare. Di norma io mi regolo dal settore, in effetti su alcuni vi è tantissimo materiale, su altri invece no, quindi occorre inventarsi qualcosa o ottimizzare al meglio l’onpage. Attenti a non duplicare i contenuti da postare per ogni singola fonte.
9. Non sottovalutare i SOCIAL NETWORK
Come anticipato in molti articoli presenti nel blog, oggi occorre integrare la propria strategia SEO con quella Social. Quindi, prepara un planning di lavoro su come e quando pubblicare sia sui social che su fonti autorevoli SEO. Una volta analizzate le fonti, ricerca le keyword che hanno un maggiore successo di conversione, a quel punto crea del contenuto ad HOC per le parole chiave ed in ultimo, sii costante nelle pubblicazioni.
10. Condivisione di anchor in siti di video e immagini.
Ultimo punto ma non di minore importanza è la presenza su siti che si occupano di video (Es. Youtube) e di immagini (Pinterest, Instagram, Google immagini). Cerca di rispettare sempre il contenuto che hai preso in considerazione per le keyword importanti, senza duplicarlo, cerca di essere naturale, inseresci il nome del dominio nel titolo (oppure nella descrizione) del video o nel nome dell’immagine, otterrai di conseguenza maggiore visibilità ed un maggiore trust rank.

Insomma, rendi unico il tuo lavoro e otterrai sempre più prime pagine con qualsiasi keyword competitiva!

Molte considerazioni sono state pensate grazie ad esperimenti fatti sul campo oppure parlando con persone che hanno subito penalizzazioni da parte di Google, quindi, vanno oltre le semplici osservazioni.

Con la speranza che queste considerazioni possano tornarti utili, ti saluto augurandoti buona e prosperosa link building!

Questo articolo ha preso come spunto la seguente fonte: http://econsultancy.com/it/blog/61880-seven-quick-tips-for-anchor-text-links-in-2013

Staff Mondo SEO