Turismo….perché parlarne in chiave di web-marketing?


Forse non tutti sanno che oggi il turismo rappresenta la principale attività economica del mondo. Un’attività che muove decine di milioni di persone ogni anno e che dà lavoro a centinaia di migliaia di individui.

La domanda mondiale di turismo è molto cambiata negli anni, da tempo non si può più parlare di “turismo di massa” come era inteso negli anni ’70. L’evoluzione della società e delle tecnologie informatiche ha  ribaltato il rapporto turista-meta turistica, non ha più senso costruire pacchetti già preconfezionati.

Il turista oggi segue i propri interessi in autonomia. Di conseguenza l’offerta turistica deve necessariamente essere in grado di soddisfare i bisogni caratteristici del nuovo secolo: bisogni di identità sociale e di autorealizzazione.

La nuova sfida per tutti gli operatori del settore è riuscire ad orientare l’e-tourist, creare un’offerta personalizzabile e creare relazione col cliente.

Le statistiche dimostrano che è in netto calo l’afflusso nei villaggi turistici mentre cresce il viaggio itinerante, che valorizza molto di più il protagonismo del viaggiatore, i suoi interessi e curiosità. Il segmento di offerta turistica che ha registrato i più alti indici di crescita negli ultimi anni è quello dell’ecoturismo, unitamente al segmento del turismo culturale (che oggi rappresenta, per l’Italia, il 25% circa del business turistico complessivo).

Le imprese ed i sistemi turistici, alla luce della nuova realtà, hanno bisogno necessariamente di orientare le proprie scelte strategiche e di marketing verso soluzioni sempre più differenziate e personalizzate, pur rispettando i criteri di economicità ed efficienza delle scelte gestionali.

 

La crescente dipendenza del turismo da internet, soprattutto negli ultimi anni, rende questo spazio l’arena competitiva per eccellenza. L’e-commerce in Italia ha un valore stimato di oltre 14 miliardi di euro nel 2010. I settori principali sono il tempo libero (principalmente giochi d’azzardo) che rappresenta quasi metà del mercato (48,5%), il Turismo (31,4%) e l’Elettronica di consumo (7,1%).

Di conseguenza per le piccole e medie imprese turistiche si rende sempre più necessario sviluppare competenze e servirsi di professionalità adeguate a fornire loro i giusti strumenti competitivi: web marketing turistico, siti e-commerce, social media marketing rappresentano solo alcuni di essi.

Le PMI devono confrontarsi con l’ambiente interattivo del Web che rende necessario costruire un nuovo rapporto con il cliente che lo metta al centro della relazione, e dunque si parla di marketing di relazione e di CRM (Customer Relationship Management).

Un’utile guida per creare una giusta relazione fra utente/cliente ed organizzazione  e sfruttare al meglio le potenzialità del Web sono le cinque leggi di Wilson:

·         la legge della fiducia: la Rete deve generare fiducia negli utenti e clienti, risulta indispensabile prestare molta attenzione e cura  nella gestione del sito, al rapporto con il cliente e alla serietà delle proposte commerciali presentate;

·         la legge del vicolo cieco: un sito Internet è come un negozio posizionato in una strada senza uscita, ciò significa che affinché il sito venga visitato occorre presentare proposte interessanti e offrire molte informazioni, nonché renderlo facilmente rintracciabile in rete

·         la legge del dare e del vendere: un sito Web, per risultare attraente, deve prima attirare i navigatori proponendo informazioni e materiali gratuiti; solo in seguito verranno presentati commercialmente i prodotti e offerta la loro vendita;

·         la legge del push and pull: il sito deve essere capace di at-tirare (pull) visitatori  e parallelamente di mantenere i contatti generati (push) inviando agli utenti messaggi e comunicazioni;

·         la legge della nicchia: per le sue caratteristiche il Web permette di raggiungere delle nicchie che altrimenti sarebbe troppo costoso contattare.

Ne risulta che il fattore chiave di successo per le PMI è affidarsi a professionalità esperte che sappiano metter in campo la giusta strategia e marketing mix sfruttando al meglio le potenzialità del web.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *