Squeeze page


Squeeze page: sai come si costruisce?

Una squeeze page è una pagina dedicata alla cattura dei dati dei visitatori di un sito: poiché oltre la metà degli acquisti online avvengono nelle visite successive alla prima, è importante che la newsletter contenga il maggior numero possibile di iscritti. In una realtà in cui la casella di posta è spesso invasa dallo spam, “convincere” qualcuno a ricevere altri messaggi richiede l’adozione di una serie di strategie e questo tipo di landing page è certamente la soluzione più efficace. Ecco un articolo che simulerà una buona consulenza di web marketing.

Presentare la squeeze page

Una squeeze page efficace deve essere presentata nel modo giusto; punti importanti sono:

  • che sia di facile accesso e massima visibilità;
  • che abbia come tasto di invio un testo che illustri i vantaggi nel beneficiare del servizio.

Queste informazioni devono essere esaurienti ma non esaustive e, più che rispondere ad una domanda, devono persuadere il lettore che riceverà la risposta solo registrandosi. La pagina deve pertanto contenere l’invito a iscriversi, una casella in cui inserire il nome ed una seconda nella quale immettere la mail; ogni elemento al di fuori di questi porta il navigatore ad infastidirsi, con la conseguenza di rischiare di perderlo.

I componenti

Una squeeze page è composta da una serie di elementi preposti a mantenere alte le aspettative del possibile iscritto per fare in modo che si iscriva, vincendo la (naturale!) repulsione a ricevere un altro tot di mail al mese:

  • Titolo: dai toni invitanti, deve incoraggiare a proseguire nella lettura;
  • Benefici: sono essenziali affinché l’utente prosegua con la registrazione;
  • Lunghezza: una squeeze page offre un servizio in cambio di informazioni, un testo troppo lungo fa perdere di vista questo obiettivo;
  • Richieste: conviene limitarsi a quelle fondamentali (nome e mail); informazioni accessorie si possono richiedere nelle pagine seguenti;
  • Privacy: la divulgazione dei propri dati a terzi non piace a nessuno, assicurarne la tutela è fondamentale;
  • Link esterni: essendo una pagina riservata alla ?cattura dei contatti?, una squeeze page non deve fare altro; pubblicità, riferimenti ad altri siti o altro sono superflui e controproducenti.

In conclusione possiamo dire che, nel presentare la nostra squeeze page, si stipula un accordo tra l’amministratore del sito e l’utente: il primo condivide informazioni e il secondo dà la possibilità di visionarle: al di là di quanto sia efficace la landing page, è poi compito di chi scrive dare le notizie pertinenti, senza ingannare l’iscritto.

Dal web potrai certamente trovarne a centinaia. Intanto ti segnaliamo una risorsa dove poter cominciare a scaricare dei template per far pratica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *